Riutilizza il vecchio pc installando Linux LXLE

trashware monitor raee

Secondo gli ultimi dati del Centro di Coordinamento RAEE, ogni anno produciamo pi√Ļ di 10000 tonnellate di rifiuti elettronici di classe R4. Piccoli elettrodomestici, smartphone, giochi elettronici e computer.
Ok, momento ambientalista terminato. Da adesso benvenuto nel Trashware! ūüėČ

Trashware significa “dare una seconda vita al tuo vecchio pc”.

A bordo ha ancora una vecchia installazione di Windows XP, ha poca ram e un hard disk meccanico. Ne avete passate tante insieme ma Lui √® ancora l√¨, abbandonato in un angolo, perch√© non hai il coraggio di portarlo all’ecocentro per smaltirlo.
NON FARLO! Il tuo vecchio computer fisso, notebook o netbook, ha ancora molto da darti.

Cosa puoi fare per rivitalizzare un “old pc”?

Sono due gli aspetti su cui lavorare per migliorare le prestazioni del tuo vecchio computer.

1. Aggiornamento e aumento dell’Hardware

Con l’investimento di pochi euro e qualche ricerca, poi verificare se √® possibile migliorare la dotazione hardware prendendo in considerazione:

  1. Aumentare la ram. Su Ebay o mercatini dell’usato, puoi trovare facilmente vecchi modelli di memoria compatibili con il tuo sistema. Prima di acquistare verifica sempre la compatibilit√† sul manuale del tuo pc o della motherboard.
  2. Sostituire l’hard disk meccanico con un SSD.¬†La presenza di una connessione SATA ti d√† la possibilit√† di investire poche decine di euro in disco SSD che ha prestazioni molo migliori rispetto ad un meccanico. In alcuni casi, solo quest’operazione rende il tuo vecchio computer tutta un’altra cosa.

In un mio vecchio podcast di RUBTEC (prima che diventasse Factotum) avevo affrontato questo argomento. Eccoti qualche altra idea.

2. Sostituire Windows con Linux LXLE.

Forse questo √® il passaggio che potrebbe spaventarti. Passare da un vecchio Windows ad un sistema Linux, un bel cambiamento per utenti poco esperti. Per√≤, ti posso assicurare che l’operazione di installazione della distribuzione LXLE √® molto pi√Ļ facile di quello che sembri.

Puoi scaricare gratuitamente LXLE direttamente dal sito ufficiale http://www.lxle.net/.
Successivamente baster√† masterizzare il file ISO su un DVD oppure creare una chiavetta USB bootable, inserire il media creato nel pc e far partire il setup. Se non possiedi il programma di masterizzazione (CDBurnerXP) o il tool per creare media USB (Rufus), consulta il mio articolo Lista Software Freeware Opensource”.
Nel breve tutorial che segue, potrai vedere come portare a termine la semplicissima procedura di installazione di LXLE.

ATTENZIONE: in questo video il contenuto dell’hard disk viene completamente cancellato e fatta l’installazione del nuovo sistema operativo. Prima di ci√≤, fai un backup dei dati importanti in un’unit√† esterna per metterli al sicuro.

LXLE on NX6110 trashware

Ed eccolo il mio resuscitato. Un HP NX6110 del 2004 nato con un processore Celeron M da 1.4 ghz, 512 mb di ram e un hard disk da 20 gb.
Ora, dopo un upgrade di RAM a 2 gb da pochi euro, non ha pi√Ļ a bordo il suo vecchio Windows XP ma una nuova installazione di Linux LXLE 16.04.4 che verr√† aggiornata costantemente fino al 2021.
Vivo e vegeto, sempre pronto ad aiutarmi nel mio audio home studio.

Quali sono i PRO di Linux LXLE?

La filosofia di Linux LXLE è spiegata in questi punti che ho preso dal sito ufficiale e tradotto:

  • Affidarsi solo alle versioni¬†LTS¬†(Long Term Support) di Ubuntu per assicurare il supporto hardware e software.
  • Basato su Lubuntu Linux per assicurare un desktop con funzionalit√† veloci per computer obsoleti.
  • Mantenere aggiornato il software all’ultima versione stabile.
  • Essere un sostituto dei vecchi Windows¬†XP,¬†Vista,¬†7 Starter/Basic.
  • Coprire l’utilizzo di tutti i giorni che gli utenti necessitano fornendo un eccellente corredo di software base.
  • Aggiungere modifiche per migliorare le performance e le funzionalit√†.
  • Sviluppare un desktop con un look moderno e intuitivo.
  • Risparmiare risorse di sistema per impegnarle in applicazioni ricche di funzionalit√†.